fbpx

Il progetto consente ai soggetti coinvolti di sviluppare nuove capacità  e di rendere un servizio utile alla comunità 
Notizie Notizie

Diamoci una mano, promuovere la cittadinanza attiva nei Comuni

L ' iniziativa coinvolgerà  i cittadini soprattutto nei settori della tutela dei beni culturali e paesaggistici

Grazie al contributo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e al sostegno dell'Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) prende vita il progetto " Diamoci una mano " . L'iniziativa ha durata biennale ed è finalizzata ad un maggiore coinvolgimento dei cittadini, beneficiari di misure di sostegno al reddito, in attività  di cura e riqualificazione della propria città .

Diamoci una mano ” punta a valorizzare il coinvolgimento attivo della persona. Il protocollo d’intesa, che dà  vita al progetto, è stato firmato lo scorso 28 gennaio dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti, dal presidente dell’Anci Piero Fassino e dal portavoce del Forum nazionale del terzo settore Pietro Barberi. L’iniziativa prevede che, chi beneficiasse di misure di sostegno al reddito, potrà  svolgere un’attività  di volontariato in favore del proprio comune di residenza. Tali attività  saranno organizzate e guidate da organizzazioni di terzo settore, comuni ed enti locali. Per avviare concretamente questo progetto ed assicurarne una buona riuscita, è necessario che i comuni e le associazioni coinvolte forniscano ai cittadini ogni informazione utile sulle finalità  e le modalità  di funzionamento di questo progetto. A tal fine l’Anci si impegna a favorire, da parte delle amministrazioni comunali, la realizzazione di numerose iniziative.

L’idea alla base del progetto

Coloro che sceglieranno di impegnarsi in attività  di cura e rigenerazione della città  riceveranno in cambio una certificazione delle competenze acquisite in modo che i volontari le possano riutilizzare nella ricerca di un nuovo impiego. La copertura assicurativa, garantita ai cittadini che decidono di partecipare, verrà  attivata dall’Inail e gli oneri ad essa relativi saranno sostenuti da un fondo creato ad hoc, che come il progetto, avrà  durata biennale. Una volta accertata la disponibilità  del soggetto e verificata la sua rispondenza ai requisiti richiesti, l’organizzazione di terzo settore potrà  quindi richiedere all’Inail l’attivazione della copertura assicurativa, garantita dal fondo istituito presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Il decreto ministeriale che lo regola (90 del 2014), disciplina le modalità  di utilizzo del fondo, stabilendo anche i requisiti necessari per poter beneficiare della copertura assicurativa. In concreto, può accedervi chi beneficia di alcune misure di sostegno al reddito, come per esempio i cassintegrati o chi gode di un’integrazione salariale. I volontari interverranno in specifici settori tra i quali la Protezione civile, l’ambiente, la tutela e la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale delle città . Il presidente dell’Anci Piero Fassino ha sottolineato il valore morale del progetto “Diamoci una mano” che consente ai soggetti coinvolti non solo di sviluppare nuove capacità , ma anche di rendere un servizio utile alla comunità .

LEGGI ANCHE:
Abitare i Paduli: una best practice made in Puglia
I  migranti diventano volontari civici a Sesto Fiorentino
Interesse generale, solidarietà , sussidiarietà 



Lascia un commento