Un " Diario da Londra " in cui verranno raccontati esperienze, aneddoti, interviste, storie che possano spiegare cos ' è il mondo delle imprese di comunità
Notizie Notizie

Un diario dal Regno Unito per raccontare le esperienze delle imprese di comunità

Diario da Londra: l ' inizio

Un saluto a tutti da Londra! Mi presento, mi chiamo Michele Bianchi, ho 24 anni e sono uno studente del Dipartimento di Sociologia dell ' Università di Trento. In particolare sono uno studente del Corso di Laurea Magistrale MOVASS (Metodologie, Organizzazione e Valutazione dei Servizi Sociali). Questo percorso si è posto l ' obiettivo di formare non solo assistenti sociali ma anche operatori del privato sociale. Tra questi ultimi rientro anch ' io. Da sempre i temi del sociale e i modelli di sostenibilità sono stati un mio interesse, nonché i processi di partecipazione delle cittadinanza nella vita pubblica.

Queste passioni ed interessi che nel tempo ho tramutato nei miei studi mi hanno spinto ad intraprendere un nuovo percorso legato al tirocinio formativo che viene richiesto dal percorso di studi. Ho sempre pensato che alle persone servono strumenti per poter esprimente le loro idee e la loro creatività e poter mettere queste loro abilità al servizio delle comunità e delle persone che si trovano in condizione di bisogno.
Il desiderio di poter dare un nuovo contributo e ampliare gli orizzonti della cooperazione sociale mi ha portato a porre attenzione ad un tipo d’impresa che oggigiorno in Italia è ancora poco sviluppato: le imprese di comunità .

Cosa vuol dire impresa di comunità ?

Immaginate un business che sia impostato per dare risposta ai problemi di uno specifico territorio e che reinvesta i propri profitti per migliorare la qualità della vita e dei servizi nel quartiere in cui ha sede. Immaginate delle imprese sociali che ridanno vita a spazi urbani in disuso con l’obiettivo di rafforzare il senso di comunità là dove è da tempo perduto.
Quello delle imprese di comunità è un mondo affascinante e ricco di numerosi esempi che possono ispirare altre realtà . Sono queste le ragioni che hanno spinto Labsus a concedermi la possibilità di scrivere su questo argomento affinché vi possa essere una maggior divulgazione sul tema.

Ciò che vorremmo fare però è qualcosa di particolare, non una disamica teorica dei modelli legati a quest’idea ma un viaggio, non immaginario ma reale, un viaggio in uno dei paesi che più ha sviluppato questo approccio al lavoro con la comunità attraverso l’impresa sociale, ovvero, la Gran Bretagna.
In questo momento vi scrivo da Londra dove mi trovo per condurre il mio tirocinio presso una di queste imprese di comunità , la Hackney Cooperative Development. Questa cooperativa nasce nel cuore del quartiere di Hackney, una zona che ha sempre risentito di molti problemi sociali. Ci sarà comunque modo di raccontare anche la sua storia nel corso di questi mesi che trascorrerò qui cosìcome vi racconterò dei movimenti nei quartieri londinesi per promuovere la qualità della vita, di villaggi nel cuore della campagna inglese che hanno salvato i loro pub storici dalla chiusura o delle organizzazioni di quartiere che promuovono la gestione di spazi comuni.

Ai più in questo momento potrà sembra un quadro molto confuso e dai tratti per niente chiari, è per questo che vi invito, insieme alla redazione di Labsus, a seguirmi in questo viaggio che si svolgerà sulle pagine di un ” Diario da Londra ” in cui racconterò di volta in volta esperienze, aneddoti, interviste, cosìda potervi dare non delle nozioni ma delle storie che possano spiegare cos’è questo mondo.
Spero di aver suscitato in voi la dovuta attenzione, v’invito quindi a tenervi aggiornati sul sito di Labsus sulle prossime pagine di questo affascinante viaggio in terra inglese.
Per ora vi saluto e vi aspetto al prossimo appuntamento.
SEE YOU SOON!

LEGGI ANCHE:
Imprese comuni e rigenerazione urbana nel Regno Unito



Lascia un commento