Beni comuni e amministrazione condivisa Storie e notizie

Bologna, Orfeonica in azione contro i graffiti e l’inciviltà

L'Associazione Orfeonica lavora assieme ai cittadini per mantenere pulito il quartiere

L'associazione Orfeonica svolge dal 2013 un efficace lavoro di riqualificazione urbana in via Broccaindosso e in altre zone del quartiere San Vitale, a Bologna. Questo lavoro va dalla pulizia dei graffiti dai muri, dalle serrande e dai portoni alla cura e mantenimento del decoro dei portici.    

Da tre anni ormai il quartiere San Vitale, soprattutto via Broccaindosso, è dunque la sede operativa di un progetto che svolge, prima di tutto, un’azione di sensibilizzazione verso i cittadini riguardo il mantenimento del decoro urbano e il rispetto del senso civico, ed un lavoro vero e proprio di riqualificazione urbana.

L’associazione Orfeonica di Broccaindosso nasce dalla presa di posizione di alcuni residenti della stessa via che, mossi dalla passione e dall’amore per il proprio quartiere, decidono di prendersi cura della strada. Alla base quindi dell’associazione vi è il desiderio di promuovere la partecipazione attiva dei cittadini alla vita del quartiere attraverso diverse iniziative. In particolar modo queste si dirigono nella direzione della riqualificazione urbana con interventi di pulizia dei muri, delle serrande e dei portoni fino alla cura e al mantenimento del decoro dei portici.

Via Broccaindosso è un bene comune

” Lo spirito del nostro agire si basa sulla considerazione che la strada è un bene comune ” – afferma il sig. Andrea Trombini, attuale presidente dell’associazione. Un bene comune da proteggere e tutelare soprattutto dal problema “del vandalismo grafico” che è molto radicato nelle vie di Bologna. Nel 2013, proprio dopo l’ennesimo graffito creato su Via Broccaindosso, l’associazione decide di intervenire. Prima di tutto avvertendo il Comune di Bologna – Quartiere San Vitale del proprio progetto, e poi, con la partecipazione ad un bando comunale, riuscendo a ricevere un contributo economico. Con tale contributo, e con l’impiego anche di parte del fondo cassa dell’associazione, si rese possibile l’acquisto del materiale necessario alla pulizia dei muri. Il passo successivo fu far conoscere ai più il progetto, sensibilizzare il maggior numero di residenti e cercare manodopera che si offrisse di dare un contributo ” pratico ” alla causa. Fu cosìche nei fine settimana i promotori dell’iniziativa, gli iscritti all’associazione e i cittadini attivi incominciarono questo lavoro di pulizia dei muri, delle serrande e dei portoni, portandolo a termine in un paio di mesi. Il risultato raggiunto fu la pulizia totale di tutta Via Broccaindosso, con l’eliminazione di tutti i graffiti.

Il lavoro dell’associazione come esempio per altre realtà

Oggi l’associazione svolge soprattutto un lavoro di mantenimento del decoro dei portici, sia quelli in Via Broccaindosso che di quelli all’interno del quartiere San Vitale. E’ molto attenta nel monitorare e controllare la situazione, intervenendo in tempi rapidi qualora ce fosse bisogno. Gode ancora del supporto della maggior parte dei residenti e riceve un gran contributo, sia morale che organizzativo, dalle diverse attività commerciali della strada.
” Devo dire che in diversi sono venuti, o vengono tuttora, a chiederci come abbiamo fatto, come ci siamo riusciti. Io stesso vedo che, in altre zone del centro, sono state avviate iniziative simili alla nostra. Confidiamo quindi che il valore del nostro esempio possa espandersi il più possibile ” . Da queste parole del sig. Andrea Trombini si intuisce quali obiettivi e risultati si possono raggiungere quando si agisce per migliorare, conservare nel miglior modo possibile, un bene comune. Un agire libero dal raggiungimento di scopi personali, i quali non coincidono con l’interesse di tutti.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento