Notizie Notizie

Contro la fame e l ‘ inquinamento. Approvata la legge per limitare gli sprechi alimentari

Consumiamo tanto ma produciamo di più, il Parlamento approva una legge per incentivare il riuso alimentare e tentare di risolvere uno dei più grandi paradossi della nostra epoca

Ogni anno nel mondo più di un miliardo di tonnellate di cibo finisce nella spazzatura, ma per sfamare i 795 milioni di persone che soffrono la fame ne basterebbe circa un quarto. Inoltre, la produzione del cibo che finisce nella pattumiera produce un quantitativo di anidride carbonica simile a quello emesso dagli Stati Uniti o dalla Cina. Queste stime - elaborate da Fondazione Barilla Center For Food Nutrition - mostrano chiaramente che quello dell ' alimentazione e della produzione di cibo è uno dei più grandi paradossi della nostra epoca.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sulla scia di Expo – il cui tema principale era proprio l’alimentazione – il 2 agosto il Parlamento italiano ha provato a porre rimedio a questa assurdità . La legge, sostenuta da tutte le forze politiche, persegue due obiettivi chiari: ridurre l’inquinamento derivante dagli sprechi alimentari e favorire il recupero delle eccedenze alimentari (e farmaceutiche) sfamando gli indigenti. Diciotto articoli che semplificano la disciplina delle donazioni alimentari e farmaceutiche, cosìda favorire cittadini e aziende (supermercati, negozi, produttori, ristoranti) che vogliono regalare le proprie eccedenze di cibo alle onlus impegnate a favore dei poveri, con la possibilità di ottenere in cambio sgravi sulla tariffa rifiuti.
Da notare è la scelta del legislatore di fare espresso riferimento al principio di sussidiarietà che sembra ispirare l’impostazione stessa della legge: non si puniscono le condotte ” sprecone ” , ma si favorisce il riuso dell’invenduto, incentrando la legge sulla volontarietà della donazione. La legge non prevede solo la donazione delle eccedenze, ma stimola una vera e propria aggregazione di diversi soggetti al fine di risolvere un problema di interesse generale; un esempio è la possibilità di stilare accordi tra associazioni di volontariato e imprenditori agricoli per recuperare i prodotti che rimangono a terra durante la raccolta (il c.d. residuo in campo).
Il Parlamento è intervenuto anche per stimolare una condotta più responsabile dei singoli cittadini – cui è imputato il 43% degli sprechi alimentari – prevedendo una sensibilizzazione sul tema dello spreco e normando la ” doggy bag ” , ossia la possibilità di portar via gli avanzi dai ristoranti. Senza dubbio, parte della soluzione passa attraverso la condotta dei cittadini che, secondo lo schema della ” sussidiarietà quotidiana ” , con piccoli gesti e abitudini possono contribuire alla tutela di un interesse generale, anche solo riducendo la portata del problema. La questione è complessa e gli strumenti sono molteplici: gruppi d’acquisto, filiera corta, consumo critico e orti urbani sono solo alcuni esempi di quello che i cittadini possono fare, ma certamente la riduzione degli sprechi è il primo passo da compiere.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento