media_civici_1

E-democracy: il futuro della democrazia viaggia su Internet

- 6 maggio 2017

Gli strumenti di democrazia digitale, secondo quanto emerge dalla relazione, sono particolarmente adatti a riattivare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni, soprattutto quelle europee per forza di cose distanti, anche in considerazione del fatto che “che la democrazia dovrebbe evolvere e adattarsi ai cambiamenti e alle opportunità correlati alle nuove tecnologie e strumenti TIC, che devono essere considerati un bene comune che, laddove attuato in modo appropriato e accompagnato da un adeguato livello di informazione, potrebbe contribuire alla creazione di una democrazia più trasparente e partecipativa”.

I livelli della democrazia digitale

Nel rapporto si fa riferimento a tre diversi modelli di democrazia digitale:

  • e-democracy, termine con il quale ci si riferisce all’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazione per permettere la partecipazione e la consultazione dei cittadini;
  • e-governance, termine con il quale ci si riferisce all’utilizzo delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione creano canali di comunicazione in grado di mettere in contatto specifici stakeholder con il mondo politico e istituzionale in modo da poter influenzare il processo decisionale;
  • e-government, termine con il quale ci si riferisce all’uso delle tecnologie della comunicazione e dell’informazione nel settore pubblico. In modo particolare si riferisce alla possibilità di offrire alle persone servizi pubblici elettronici.

E-stonia: l’esperienza del Tiger’s Leap

Non mancano gli esempi e le buone pratiche. Nel 1996 il Presidente dell’Estonia lanciò il programma Tiger’s Leap che entrò in vigore l’anno dopo. Si trattava di un progetto di digitalizzazione del paese che partiva dalla scuole e che è arrivato ad interessare la democrazia elettronica. Dal 2005 ad oggi il Paese ha scelto i propri rappresentanti attraverso il voto elettronico già 8 volte.
Al contrario in Francia, dove in voto elettronico per le elezioni legislative è previsto dal 2012, è stato sospeso per la tornata elettorale di giugno 2017, a causa della minaccia di cyber attacchi.
Anche nei Paesi Bassi il voto elettronico, introdotto nel 2007, è stato sospeso per il rischio di manipolazione dei risultati.
Da tali esperienze emerge come l’e-democracy oltre che di investimenti in tecnologie digitali, abbia bisogno di formazione e di sostegno da parte delle istituzioni: la relazione invita i partiti politici a fare ampio ricorso agli strumenti digitali per favorire la trasparenza, la comunicazione e la partecipazione dei cittadini.

L’e-democracy e l’Ue

L’Unione europea ha già sperimentato forme di democrazia digitale. I cittadini europei, attraverso il portale delle petizioni, hanno la possibilità di rivolgere una petizione al Parlamento europeo;possono inoltre partecipare alle consultazioni aperte dalla Commissione per sondare il parere degli stakeholders su temi di loro interesse.
Lo strumento più avanzato di e-democracy nell’Unione europea è sicuramente l’Iniziativa dei cittadini europei. Prevista dal trattato di Lisbona, riconosce a un milione di cittadini europei il diritto di rivolgere un invito alla Commissione europea a legiferare su un tema da essi ritenuto importante. Le firme possono essere raccolte sia in formato cartaceo che online. Attualmente ci sono nove iniziative registrate e aperte alla firma: sosteniamole e sperimentiamo la democrazia digitale!

Leggi anche:

L’Iniziativa dei cittadini europei compie tre anni
Agenda digitale: l’innovazione che non avanza
L’Open Government nei comuni

Condividi la pagina
    comments powered by Disqus