Cons. St., sez. IV, 24 settembre 2015, n. 4475

| Consiglio di stato e CGA Regione Sicilia Diritto Giurisprudenza

Condividi la pagina

    alluminio

    La sentenza
    Il Consorzio imballaggi Alluminio (CiAL) interpone appello avverso la sentenza con cui il Tar Lazio convalida il decreto, pubblicato in G.U. n. 176/2013, adottato dal Ministero dell’ambiente di concerto con il Ministero dello sviluppo economico ai sensi dell’art. 223, co. 2, del d.lsg. n. 152/2006 (cd. Testo Unico Ambientale).
    L’atto ministeriale oggetto di impugnativa definisce lo schema-tipo di statuto adottabile in concreto dai consorzi unici di filiera costituiti su scala nazionale per la gestione di ciascun materiale di imballaggio e dei relativi rifiuti.
    In grado d’appello il Consorzio torna a contestare la pervasività delle previsioni statutarie introdotte nel corpo del modello ministeriale, ritenute ingiustificatamente limitative dell’autonomia consortile nonché lesive del principio di sussidiarietà orizzontale.
    Facendo leva sulla natura privatistica dei consorzi in questione, espressamente sancita dal legislatore ambientale, il Consiglio di Stato riscontra un’illegittima ingerenza ministeriale e ne ridimensiona la portata a quanto strettamente necessario al perseguimento degli interessi generali relativi al settore della gestione dei rifiuti «in un rapporto di reciproca autonomia e nel rispetto del principio di sussidiarietà orizzontale sancito dall’art. 118, comma 4, Cost.».
    Dall’accoglimento dell’appello discende, pertanto, l’annullamento dello schema-tipo contestato e la necessaria predisposizione di un nuovo modello statutario maggiormente rispettoso dell’autonomia propria dei soggetti privati.

    Il commento
    È interessante notare come, nel caso in esame, il rispetto del principio di sussidiarietà orizzontale sia invocato in relazione ad un sistema che riproduce plasticamente gli scopi e i meccanismi di funzionamento del principio medesimo.
    Nell’ambito della gestione dei rifiuti, infatti, trova estrinsecazione, meglio che in qualunque altro settore, il senso più compiuto della sussidiarietà, considerata l’inevitabilità della cooperazione di soggetti pubblici e privati ai fini della buona riuscita della attività stessa.
    In particolare, il meccanismo di gestione dei rifiuti di imballaggio previsto dal T.U.A. delinea un sistema tipicamente policentrico e multilivello che coinvolge operatori economici, singoli cittadini e amministrazione pubblica nelle differenti attività – che si snodano dalla produzione del bene al cd. post-consumo – relative all’intero ciclo di vita del prodotto.
    Non soltanto, però, il legislatore ambientale non esonera nessuno dallo svolgimento di attività tese a ridurre l’impatto dei rifiuti di imballaggio sull’ambiente, ma prevede altresì, in ossequio ai principi informatori della materia, un particolare riparto degli obblighi incombenti sui vari soggetti coinvolti.
    Alla stregua dell’art. 219, co. 2, T.U.A, in cui trovano espressa enunciazione il principio del «chi inquina paga» e quello della «responsabilità condivisa», gli obblighi degli operatori economici sono ripartiti in proporzione alla quantità di imballaggi immessi sul mercato nazionale.
    Gli oneri gravanti sulle imprese (siano esse aderenti o meno, ex art. 221, co. 3, T.U.A., ad uno dei consorzi oggetto della pronuncia in commento) variano, dunque, in ragione del concreto impatto della loro attività economica sull’ambiente.
    In altri termini, si profila un meccanismo di responsabilizzazione “ponderato”, ossia ragionevolmente commisurato alla reale incidenza di una data attività sull’ambiente.
    Confermando il ruolo trainante del diritto dell’ambiente rispetto all’evoluzione del diritto amministrativo tutto, la materia in questione arricchisce quindi la stessa sussidiarietà di una sfumatura ulteriore, dimostrando la possibile gradazione del coinvolgimento dei diversi soggetti in relazione alle concrete responsabilità di ognuno.

    LEGGI ANCHE:
    Raccolta differenziata, a Laives (BZ) “chi più separa più risparmia”

    Condividi la pagina

      Voler bene alle Marche: beni comuni, benessere della comunità ed economia circolare

      | Cantieri Notizie

      Condividi la pagina

        29fc5048bd43d812253cef772821ce1b_XL

        La tematica dei beni comuni è oramai parte integrante del dibattito pubblico. Politici, amministratori, funzionari, cittadini ne parlano, ci pensano, ne discutono. In molti credono che il mondo del Terzo settore sia decisivo nel processo di diffusione di buone pratiche sulla gestione dei beni comuni, su un nuovo modo di pensare l’economia (l’economia circolare) e sul benessere della comunità che ne consegue. Proprio da questo assunto si basa il convegno Voler bene alle Marche: beni comuni, benessere della comunità ed economia circolare, organizzato dal Centro Servizi per il Volontariato delle Marche in collaborazione con la Regione Marche ed in programma martedì 9 febbraio dalle ore 16,30 a Palazzo Raffaello ad Ancona.

        In allegato il programma del Convegno

        Una vera e propria tavola rotonda dove verranno esposte diverse esperienze con l’obiettivo di aprire una riflessione attorno ai percorsi e alle strategie di tutela e valorizzazione dei beni comuni, attraverso l’approfondimento di quegli aspetti della quotidianità che contribuiscono al benessere della comunità.

        Labsus parteciperà all’iniziativa: aprirà il convegno Gregorio Arena, Presidente di Labsus, con una conversazione sulla tematica Curare i beni comuni per costruire comunità e liberare energie.

        LEGGI ANCHE:

        Condividi la pagina

          A Milano il corso per gestire i beni comuni

          | Cantieri Notizie

          Condividi la pagina

            beni-comuni

            Oramai, anche grazie all’opera di Labsus, si sente parlare sempre più spesso di beni comuni. Molti ne parlano anche a sproposito, altri si chiedono effettivamente cosa siano i beni comuni, come si definiscono e da cosa differiscono dalle altre tipologie di beni. A queste domande risponderà il corso organizzato dall’Università del Volontariato di Milano, in collaborazione con il Movimento di Volontariato Italiano (MoVI), dal titolo Cittadinanza attiva per la gestione innovativa dei beni comuni.

            Il programma svilupperà un percorso che si snoderà dalla definizione di beni comuni alle modalità di gestione di questa tipologia particolare di beni in un’ottica di democrazia partecipativa, per concludersi con una serie di laboratori di presentazione di esperienze concrete dove si sta sperimentando l’amministrazione condivisa tra istituzioni e cittadini.

            Il corso, completamente gratuito, avrà luogo presso il Centro Servizi per il Volontariato del capoluogo lombardo e inizierà il prossimo 3 febbraio alle ore 17,30; il programma si rivolge a tutti coloro che desiderano apprendere e prendersi cura dei beni comuni del proprio territorio.
            Labsus sarà uno dei protagonisti del corso, con la presenza del suo presidente Gregorio Arena.

            In allegato la scheda del corso.

            LEGGI ANCHE:

             

            Condividi la pagina

              Il primo manifesto italiano sul Fundraising

              | Notizie

              Condividi la pagina

                manifestofundraising-01

                Il fundraising è una semplice donazione, provocata da mero filantropismo, carità  e ritorno d’immagine? Non è proprio quello che pensano la Scuola di Roma Fund-raising.it e l’Istituto Italiano Donazione, ossia le organizzazioni che hanno redatto il primo Manifesto per un nuovo Fundraising – Donare di più, donare meglio: presentato lo scorso 7 dicembre alla Camera dei Deputati, alla presenza del Sottosegretario al Lavoro Luigi Bobba, il manifesto è il frutto del progetto “Fundraising – un altro Welfare è possibile” che nel 2014 è stato premiato con la medaglia della Presidenza della Repubblica.

                Il Fundraising come strumento per creare nuovi modelli sociali

                Obiettivo principale del manifesto, redatto dopo due anni di lavoro, è quello di diffondere una nuova cultura della donazione e del finanziamento sociale, basata sulla logica dell’investimento e non del mero filantropismo. Infatti nel manifesto è espresso a chiare lettere come il Fundraising non sia più solamente la tecnica per migliorare la sostenibilità economica di un’organizzazione non profit, bensì uno strumento molto più inclusivo, capace di rendere partecipe la società civile alla creazione di un nuovo sistema sociale.
                A detta di Massimo Coen Cagli, direttore scientifico della Scuola Fund-raising.it, “…in Italia viviamo un paradosso singolare: da un lato tutti si appellano al fundraising come risposta alla crisi di finanza pubblica, mentre dall’altro nessuno pone in essere strategie, azioni e politiche che lo possano far crescere realmente”. Aggiunge quindi “…sono ancora tanti gli ostacoli culturali, burocratici, amministrativi e politici che ne limitano enormemente il potenziale, come ad esempio il farraginoso sistema di gestione del 5 e del 2 per 1000, per citarne uno. Con il Manifesto –conclude Coen Cagli – vorremmo che si dia vita a programmi e azioni che rendano operativi i principi contenuti in questo importante documento. Insomma per far si che il fundraising diventi davvero lo strumento principale di un’economia sociale e civile essenziale per lo sviluppo del paese”.

                Il dono è un fattore di crescita da incentivare nelle nuove generazioni

                Il dono è un fattore di crescita: a dirlo chiaramente è l’Istituto Italiano Donazione, altro partner del progetto. Non solo, l’Istituto rilancia: il dono è un valore che non deve restare confinato nell’ambito del non profit. Si tratta di una pratica quotidiana, uno stile di vita da promuovere e incentivare. E questo è necessario farlo sopratutto nelle nuove generazioni. Per questo continuerà la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, promuovendo le giornate del dono che abbiano come protagonisti i giovani.

                LEGGI ANCHE:

                Condividi la pagina

                  Cosa sono e come funzionano i patti per la cura dei beni comuni

                  | Il punto di Labsus Notizie

                  Condividi la pagina

                    I patti di collaborazione sono il cuore del Regolamento, lo strumento giuridico che trasforma le capacità nascoste degli abitanti di una città in interventi di cura dei beni comuni che migliorano la vita loro e di tutti gli altri abitanti.
                    Come s’è già visto, il percorso per arrivare concretamente a prendersi cura dei beni comuni si articola in tre passaggi ineludibili, dall’art. 118 ultimo comma della Costituzione al Regolamento e infine ai patti di collaborazione, in una scala che va dal massimo di generalità al massimo di specificità, dal massimo di astrattezza al massimo di concretezza.
                    Ognuno di questi snodi è indispensabile e l’uno rinvia necessariamente all’altro, in una circolarità di relazioni che a sua volta è una delle caratteristiche principali della sussidiarietà.

                    Niente patti senza Regolamento

                    Senza il Regolamento infatti il principio di sussidiarietà avrebbe continuato ad essere inapplicato, come era successo dal 2001 al 2014, ma a sua volta il Regolamento è legittimato dall’essere fondato sulla Costituzione.
                    Senza i patti il Regolamento sarebbe inefficace, ma i patti senza il Regolamento sono per così dire “vulnerabili” e quindi di difficile attuazione perché manca loro quella infrastruttura di principi e regole contenuta nel Regolamento che li protegge e li rende operativi. Per questo motivo, quando ci viene chiesto un parere, scoraggiamo la stipulazione di patti in comuni dove non è ancora stato adottato il Regolamento, perché abbiamo constatato che poi la loro attuazione incontra molte difficoltà riguardanti per esempio il riparto delle responsabilità, le assicurazioni, le verifiche, etc.

                    Il patto è uno strumento

                    Riprendiamo dunque il filo della precedente riflessione riguardante i primi quattro articoli del Regolamento (finalità, definizioni, principi, cittadini attivi) e anche in questo caso prendiamo come testo di riferimento la bozza del Regolamento per Roma alla cui redazione Labsus ha partecipato nell’ambito di un gruppo di lavoro interassessorile costituito dalla Giunta nella primavera 2015, perché tiene conto sia delle modifiche introdotte dai comuni che hanno finora adottato il Regolamento, sia delle osservazioni che sono state formulate nel corso dei circa cento incontri pubblici cui Labsus ha partecipato in tutta Italia dal marzo 2014 al gennaio 2016.
                    Il primo comma dell’art. 5 del Regolamento definisce la natura e il ruolo del patto di collaborazione, definito “lo strumento con cui il Comune ed i cittadini attivi concordano tutto ciò che è necessario ai fini della realizzazione degli interventi di cura, rigenerazione e gestione dei beni comuni in forma condivisa”.
                    Il patto, come il Regolamento,non è appunto niente altro che uno strumento per liberare energie, valorizzare capacità, rimettere in moto situazioni bloccate. Vale dunque anche per i patti quel modo di dire inglese, secondo il quale la prova della bontà del budino si fa assaggiandolo. Mettiamoli alla prova, i patti di collaborazione, vediamo come funzionano, che problemi emergono e poi eventualmente introduciamo delle modifiche basate sull’esperienza, secondo il motto Operare conoscendo.

                    Concordano tutto ciò che è necessario

                    Per quanto riguarda i contenuti la formula dell’art. 5 è molto ampia. Comune e cittadini “concordano tutto ciò che è necessario ai fini della realizzazione degli interventi di cura…”.
                    Concordano è un verbo che fa subito capire cosa vuol dire concretamente l’art. 1, comma 3 del Regolamento quando afferma che la collaborazione tra cittadini e amministrazione “si estrinseca attraverso l’adozione di atti amministrativi di natura non autoritativa” dando vita all’amministrazione condivisa. Vuol dire, in sostanza, che i patti di collaborazione (non a caso chiamati appunto “patti”) sono atti disciplinati dal diritto privato come i contratti, non di diritto amministrativo come gli accordi di cui all’art. 11 della legge n. 241/1990, che sono invece manifestazione del potere discrezionale della pubblica amministrazione.
                    Dal punto di vista formale la scelta di equiparare i patti di collaborazione ai contratti di diritto privato si fonda sull’art. 1, comma 1 bis, della legge n. 241/1990 (modificata ed integrata dalla legge n. 80/2005) che dispone che “La pubblica amministrazione, nell’adozione di atti di natura non autoritativa, agisce secondo le norme di diritto privato salvo che la legge disponga diversamente”.
                    Dal punto di vista sostanziale invece la scelta di definire i patti di collaborazione “atti amministrativi di natura non autoritativa” è la logica conseguenza della parità di rapporti che intercorre fra cittadini e amministrazione nell’ambito del modello dell’amministrazione condivisa, fondato sulla sussidiarietà. Cittadini e amministrazione sono alleati nella lotta contro la complessità dei problemi, la scarsità dei mezzi, l’aumento delle esigenze e in questa lotta condividono responsabilità e risorse. Sono sullo stesso piano e i rapporti fra di loro devono pertanto essere disciplinati con strumenti giuridici che rispecchino questa nuova modalità di rapporto fra istituzioni e cittadini, a sua volta fondata sul nuovo paradigma della sussidiarietà.

                    Tutto ciò che è necessario

                    Ma, concretamente, cosa concordano cittadini e amministrazione quando stipulano un patto di collaborazione? Tutto ciò che è necessario per realizzare in forma condivisa la cura, la rigenerazione e la gestione dei beni comuni. E’ una formulazione che lascia com’è giusto molto spazio all’autonomia contrattuale delle parti, le sole in grado di sapere cosa è necessario nelle circostanze date per realizzare nel modo migliore la cura condivisa dei beni comuni.
                    E’ una formulazione rispettosa della capacità di giudizio e del senso di responsabilità sia dei cittadini, che dovranno poi raggiungere gli obiettivi fissati dal patto da loro sottoscritto, sia dell’amministrazione, che comunque al momento delle elezioni deve rispondere agli elettori dei risultati ottenuti durante il mandato, compresi quelli raggiunti applicando il modello dell’amministrazione condivisa.

                    Schemi di patti

                    Trattandosi tuttavia di una normativa del tutto nuova, che disciplina fattispecie per le quali non esistono precedenti che possano aiutare l’amministrazione nella sua applicazione, il secondo e il terzo comma dell’art. 5 prevedono l’uno degli schemi tipo di patti e l’altro un elenco di ciò che il Regolamento ritiene sia opportuno i patti contengano, così da “sostenere” la redazione dei patti.
                    Il secondo comma dispone dunque che “Il contenuto del patto è definito negli schemi tipo di patti allegati al presente Regolamento, ma può variare a seconda che si tratti di patti ordinari o patti complessi”(artt. 7 e 8).
                    Il motivo della distinzione fra patti ordinari e patti complessi (che non era presente nel testo del Regolamento-tipo di Bologna) deriva dall’analisi dei circa 500 casi contenuti nella sezione Beni comuni di Labsus, una banca dati, unica nel suo genere, risultato di dieci anni di lavoro. Nella stragrande maggioranza di questi casi i cittadini risultano impegnati in interventi di cura dei beni comuni abbastanza semplici, che non richiedono grandi mezzi né particolari attrezzature o competenze.

                    Patti di collaborazione ordinari

                    Sono interventi per così dire di “bricolage civico”, di manutenzione ordinaria volta a rendere più vivibile e più bello uno spazio pubblico, un giardino, una scuola e così via. Per regolare questo tipo di interventi sono sufficienti patti di collaborazione semplici come quelli previsti dall’art. 7 (Patti di collaborazione ordinari), che prevede che “I cittadini che intendono realizzare interventi di cura di modesta entità, anche ripetuti nel tempo sui medesimi spazi e beni comuni, presentano la proposta di collaborazione riempiendo il modello A di cui al comma 2 ed inviandolo direttamente all’Ufficio, anche per via telematica”.
                    Il modello A (che non è stato predisposto perché la caduta della Giunta capitolina interruppe le attività del gruppo di lavoro sul Regolamento) è un form nel portale dedicato all’amministrazione condivisa, che contiene un elenco “a mero titolo esemplificativo e non esaustivo, dei più frequenti interventi di cura di modesta entità che i cittadini attivi possono realizzare e indica i presupposti, le condizioni e l’iter istruttorio per la loro realizzazione”.
                    In pratica i cittadini che vogliono realizzare un intervento di cura di un bene comune riempiono il form con tutti i dati che servono per poter stipulare il patto di collaborazione e poi lo inviano per via telematica all’Ufficio per l’amministrazione condivisa. Ciò significa che, coerentemente con il nuovo paradigma del diritto amministrativo, i cittadini stessi gestiscono in via telematica sia la fase di iniziativa, sia una parte della fase istruttoria del procedimento amministrativo che porterà alla stipula del patto di collaborazione.
                    A sua volta “l’Ufficio identifica entro 15 giorni il Dirigente responsabile che, verificati il rispetto del presente regolamento e la fattibilità tecnica,sottoscrive il patto di collaborazione e lo pubblica sul portale” dell’amministrazione condivisa.

                    Patti di collaborazione complessi

                    L’art. 8 della bozza del Regolamento per Roma disciplina invece con molto maggior dettaglio la procedura che porta alla sottoscrizione di patti complessi, quelli che si sottoscrivono nei casi in cui “I cittadini intendono realizzare interventi di cura origenerazionedi spazi obenicomuniurbani che comportano attività complesse o innovative volte al recupero, alla trasformazione ed alla gestione continuata nel tempo di tali beni per svolgervi attività di interesse generale”.
                    In sostanza, si tratta di quegli interventi che comportano il recupero, la rigenerazione e la gestione in forma condivisa di beni pubblici o privati abbandonati o sottoutilizzati, per fini di interesse generale. Come è giusto, in tali casi la procedura è molto più dettagliata e prevede fra le altre cose forme di pubblicità e di partecipazione ulteriori, a garanzia dell’interesse generale.

                    Creare una casistica e i precedenti

                    E’ probabile, anzi sicuro, che nel tempo si andrà stratificando una casistica dei patti di collaborazione, creando anche in questo settore quei precedenti che spesso nelle amministrazioni pubbliche sono la vera bussola quotidiana. Labsus, come già ha fatto e continua a fare per le esperienze raccolte nella sezione Beni comuni, accompagnerà la creazione di tale casistica pubblicando i testi dei patti che man mano verranno stipulati, commentandoli laddove contengano spunti di particolare interesse anche per altre situazioni. Lo stesso faremo per i form dei patti di collaborazione ordinari, così da facilitare lo scambio di informazioni e di esperienze fra comuni.
                    Naturalmente, come per tutti i materiali presenti nel nostro sito, anche la banca dati dei patti sarà gratuitamente a disposizione degli amministratori e dei cittadini che vorranno trarre spunto dai documenti pubblicati.

                    Un elenco utile, ma non tassativo

                    Infine, il comma 3 dell’art. 5 contiene l’elenco, assolutamente non tassativo ma orientativo, di ciò che il Regolamento ritiene sia opportuno che i patti contengano. Questo elenco ovviamente meriterebbe un commento dettagliato ma questo articolo è già troppo lungo così. Sarà per un’altra volta, forse.
                    Qui ci limitiamo a sottolineare che il contenuto dei patti può variare non soltanto a seconda della tipologia (ordinari o complessi) ma soprattutto a seconda del tipo di intervento, del tipo di beni comuni, della situazione locale, delle risorse disponibili, etc. etc. Si ritorna a quanto si diceva sopra commentando il primo comma: “…comune e cittadini concordano tutto ciò che è necessario ai fini della realizzazione degli interventi di cura…”. E’ una formulazione che lascia molto spazio all’autonomia ed al senso di responsabilità delle parti, le sole in grado di sapere cosa è necessario nelle circostanze date per realizzare nel modo migliore la cura condivisa dei beni comuni.

                    Per tutti gli aggiornamenti sullo stato di attuazione del Regolamento nei Comuni italiani vai alla sezione dedicata di Labsus

                    LEGGI ANCHE:

                    Condividi la pagina

                      Reggio Calabria, delibera del Consiglio comunale, 13 ottobre 2015, n. 47

                      23 gennaio 2016 | Diritto Norme Regolamenti comunali

                      Condividi la pagina

                        220px-Reggio_calabria_duomo

                        Analizzando il testo promulgato dal Consiglio comunale calabrese in raffronto con il Regolamento di Bologna, “padre” di tutte le regolamentazioni comunali successive, si può notare come venga mantenuta la specifica intelaiatura disegnata dal regolamento bolognese, aggiungendovi precise disposizioni rispecchianti le peculiari necessità locali: ai canonici 36 articoli del primo regolamento, ripresi pedissequamente, ve ne sono stati aggiunti altri 11, di cui precisamente 2 sono volti a specificare determinati elementi della cura dei beni comuni per garantirne una maggiore trasparenza e una partecipazione consapevole (è il caso dell’art.6 rubricato “elenco dei beni comuni” e dell’art.13 indicante le regole dell’”avviso pubblico (modalità, principi, criteri)”) mentre altri 9 sono riuniti in un apposito capo indicante le “regole specifiche per i beni confiscati alla ‘ndrangheta” (artt. 20-28). Tale capo V mira ad adattare il Regolamento alle necessità presenti nel territorio calabrese, prevedendone una particolare applicazione nel caso di beni confiscati alla ‘ndrangheta: nello specifico viene prevista l’applicazione dal presente regolamento compatibilmente “con le disposizioni del vigente codice delle leggi antimafia” e implementando la normativa con una serie di maggiori specificazioni ed incombenze per l’assegnatario (che deve rientrare comunque tra i soggetti rientranti nella legge speciale), quali puntuali obblighi comportamentali e pubblicitari per lo stesso (art. 23), una specifica durata della concessione, fissata dall’art. 24 tra i 3 e i 30 anni (in luogo di quella normalmente lasciata alla statuizione del singolo patto di collaborazione (art. 5) ovvero limitata ad un massimo a 9 anni nel caso di gestione condivisa di edifici (art. 19), salvo specifiche e singole statuizioni particolari), nonché in tema di revoca (art. 25) e potere sanzionatorio (art. 27).

                        Dalla lettura del Regolamento di Reggio Calabria si evince chiaramente come il modello indicato dal Regolamento di Bologna sia valido ed attuale, idoneo ad essere applicato alle differenti realtà territoriali del nostro Paese, permettendo altresì specifici adattamenti alle peculiarità, tanto negative che positive, presenti nelle singole località e ai bisogni collettivi particolari presenti. Un modello preciso e al contempo fluido, consono allo scopo di permettere la più ampia partecipazione possibile senza rinunciare alle necessarie garanzie di vigilanza e controllo.

                        Allegati (1)

                        Condividi la pagina

                          Agricoltura Sociale e Civica

                          22 gennaio 2016 | Notizie Notizie

                          Condividi la pagina

                            corso di perfezionamento in agricoltura sociale e civica

                            Da febbraio a maggio 2016, per la durata di 250 ore suddivise in 4 mesi, si svolgerà presso l’Università di Pisa, nel Dipartimento di Scienze Veterinarie, il corso di perfezionamento universitario “Agricoltura Sociale e Civica”.
                            Le professionalità che vi sono dietro, ovvero i docenti del Dipartimento di Scienze Veterinarie ideatori e promotori del corso,  “lavorano ormai da 15 anni sul tema dell’innovazione sociale e della multifunzionalità, focalizzando il proprio interesse sui temi dell’agricoltura sociale e civica. L’attività svolta ha portato alla realizzazione di progetti e di ricerche – azioni sia a livello internazionale, europeo e nazionale (Progetto FAO sull’Agricoltura Sociale nei PSV, Progetto SoFar VI programma quadro EU, COST Action 866 Green Care, Piano del Cibo – agricoltura periurbana), oltre a progetti territoriali (La debole forza, Orti E.T.I.C.I , Progetto Amiata Responsabile, I Semi di Salute). A seguito di questa attività il Dipartimento collabora con numerosi partner a livello locale e nazionale che forniranno il loro contributo nell’attività didattica prevista, mettendo a disposizione le proprie esperienze sul tema. Il corso raccoglie e trasmette queste competenze con la collaborazione di docenti, tecnici e esperti sui temi.

                            Gli obiettivi del corso

                            Come scrivono gli stessi docenti sulla locandina, il corso mira a  “formare e perfezionare figure professionali esperte in grado di fornire servizi e supporto nel campo:

                            A) della conoscenza relativa al tema dell’Agricoltura Sociale e Civica;
                            B) della progettazione dei percorsi multifunzionali dell’impresa agricola;
                            C) della mediazione interculturale fra imprese agricole, strutture sanitarie, centri di servizi, scuole, istituzioni pubbliche, cooperative sociali, associazioni no -profit in una visione di progettazione di territorio“.

                            Potranno accedervi coloro che avranno conseguito la Laurea magistrale o triennale nelle seguenti Aree CUN: Agraria e Veterinaria, Scienze Giuridiche, Economiche e Sociali. L’esatta durata del corso sarà di 250 ore (corrispondenti a 10 CFU), con 108 ore di formazione in aula, 44 di formazione a distanza e 98 di lavoro autonomo dello studente. Il calendario degli incontri sarà suddiviso in 12 ore su due giorni settimanali (giovedì e venerdì) a settimane alterne presso le aule del Dipartimento di Scienze Veterinarie, Viale delle Piagge, 2 Pisa. Sono previste visite didattiche presso best practice del territorio toscano.

                            FEBBRAIO/ MAGGIO 2016
                            Scadenza domanda di ammissione
                            15 gennaio 2016
                            Numero posti disponibili
                            25

                            Contatti e informazioni
                            Prof. Francesco Paolo Di Iacovo,  francesco.diiacovo@unipi.it .
                            Sito del corso Agricoltura sociale e civica

                            LEGGI ANCHE:

                            Condividi la pagina

                              Rossana Caselli interviene a Radio Colonia sul tema del baratto amministrativo

                              21 gennaio 2016 | Cantieri Notizie Notizie

                              Condividi la pagina

                                Logo_radio

                                Labsus ha espresso chiaramente la sua posizione in merito al cosiddetto “baratto amministrativo”.
                                Fabio Giglioni è intervenuto recentemente su questo tema, sollevando più di qualche dubbio sulla legittimità di un simile provvedimento: “Le ragioni per dire no al baratto amministrativo“.

                                Condividi la pagina

                                  #cantieregela, uniti per migliorare la città

                                  20 gennaio 2016 | Cantieri

                                  Condividi la pagina

                                    cantieregela

                                    Il primo seminario del Cantiere è dedicato alla “Rigenerazione e cura dei beni comuni urbani” e vede la partecipazione di Labsus in prima linea nella persona di Daniela Ciaffi, componente del Consiglio direttivo di Labsus  dal 2011 e ricercatrice universitaria nel settore Sociologia dell’Ambiente, della Città e del Territorio presso l’Università di Palermo.

                                    La metafora del “Cantiere”

                                    #cantieregela è un percorso collettivo che nasce dalla volontà di riqualificare e riscoprire i beni comuni urbani della città di Gela e allo stesso tempo formare una nuova classe di cittadini attivi e consapevoli.  “L’idea alla base del progetto si fonda sulla necessità di mettere insieme tutti coloro che vogliono costruire e mettersi in gioco in prima persona per migliorare la città”, secondo le parole di Pino Valenti, portavoce del Coordinamento delle Associazioni del Volontariato di Gela. #cantierigela è un progetto in divenire, uno spazio trasversale aperto ad associazioni, cittadini, istituzioni e tutti coloro interessati ad un laboratorio socio-politico, in cui poter sviluppare percorsi di partecipazione attiva e condivisa.
                                    Da qui nasce la metafora del “Cantiere”: il cantiere era una comunità di artisti, di artigiani, di semplici manovali addetti alla costruzione di fortezze e cattedrali, artisti anonimi che mettevano la loro arte non al servizio del successo personale, ma al servizio del progetto comune, sfruttando al meglio le proprie potenzialità. Il principio su cui si basa questa iniziativa é proprio questo, utilizzare la forza collettiva e le capacità di ognuno per migliorare e sfruttare gli spazi di cui dispone la città.
                                    Il laboratorio #cantieregela  sarà diviso in cinque aree tematiche: 1) sicurezza sociale, emergenza educativa e prevenzione della devianza; 2) mobilità urbana, spazi verdi e sostenibilità ambientale; 3) lotta alla povertà e al disagio, disoccupazione giovanile e cooperazione sociale; 4) spazi per la cultura e valorizzazione dei beni culturali; 5) cura della persona, servizi socio-sanitari e integrazione dei diversamente abili.
                                    Ogni tavolo tematico vedrà la partecipazione di un coordinatore e uno o più componenti che fanno parte del comitato scientifico. Le riunioni si terranno una volta al mese tenendo conto degli orari di tutti gli iscritti per facilitare la partecipazione. L’iscrizione per la partecipazione ai tavoli tematici é disponibile sul sito: http://www.volontariatogela.org/ 

                                    La Casa del Volontariato di Gela

                                    #cantieregela è l’ultimo progetto promosso dalla Casa del Volontariato di Gela, una rete di associazioni di volontariato del territorio che, guidate da MoVi Gela, si occupa di sostenere progetti di formazione, di integrazione e di cura verso il territorio utilizzando lo strumento dei laboratori.
                                    Dal 2006 questa realtà opera sul territorio, seguendo i principi ed i valori promossi da Labsus, diventando un Centro per l’Educazione Permanente alla Cittadinanza Attiva e Solidale. Tra le tante iniziative promosse dala Casa del Volontariato troviamo ad esempio il laboratorio permanente di coordimanento e progettazione sociale, il banco alimentare ed un centro di promozione della cultura dell”integrazione di soggetti diversamente abili.
                                    I
                                    l Comune di Gela – partner promotore della Casa del Volontariato – in cambio dei numerosi servizi che le associazioni offrono gratuitamente alle persone e al territorio, attraverso un sistema di sussidiarietà, garantisce la fornitura di acqua e luce ed il comodato d’uso gratuito dei locali.  

                                     LEGGI ANCHE:

                                    Condividi la pagina

                                      Cons. St., sez. VI, 15 settembre 2015, n. 4304

                                      17 gennaio 2016 | Consiglio di stato e CGA Regione Sicilia Diritto Giurisprudenza

                                      Condividi la pagina

                                        img_Labsus(1)

                                        La sentenza
                                        Il Consiglio di Stato si pronuncia per la riforma della sentenza breve del Tar Lazio, Roma, sez. 3 bis, 23 dicembre 2014, n. 13111, nella quale viene rilevato il difetto (relativo) di giurisdizione del giudice amministrativo e, conseguentemente, devoluta la controversia al giudice ordinario, in tema di diniego di finanziamento di piani formativi.
                                        A ricorrere in appello per la rimessione della causa al giudice di primo grado è la Forma – Tec s.r.l., società che dinanzi al Tar contesta la legittimità degli atti del fondo paritetico interprofessionale per la formazione continua – Fondimpresa, concernenti la non finanziabilità dei piani formativi, PILLAR e INDACO, presentati nell’ambito dell’avviso n. 5/2013.
                                        Dirimente ai fini del giudizio di primo e secondo grado è l’accertamento della “carenza di potere” ovvero del “cattivo uso del potere”, da parte di Fondimpresa, nell’ambito del procedimento volto a denegare il finanziamento alla società appellante, in quanto consente di far emergere una situazione di diritto soggettivo ovvero di interesse legittimo, ai fini del corretto riparto giurisdizionale.
                                        A sostegno della tesi devolutiva al giudice ordinario, il giudice di primo grado asserisce, in particolare, che i fondi de quibus: a) non sono organismi di diritto pubblico ma hanno natura privatistica e svolgono un’attività solo indirettamente rivolta alla tutela dell’interesse generale, sulla quale, inoltre, manca un penetrante controllo da parte della competente autorità vigilante (il Ministero del lavoro e delle politiche sociali); b) si servono, altresì, di finanziamenti che hanno origine, destinazione e modalità di gestione di natura privata.
                                        Diversamente, i giudici di Palazzo Spada rimettono la causa nelle mani del giudice amministrativo di primo grado per la pronuncia di merito, in quanto sostengono – in sintesi – che i fondi sono chiamati a perseguire in via diretta finalità pubblicistiche al più alto livello, nel campo della formazione ed elevazione professionale dei lavoratori; più precisamente, essi erogano contributi ai sensi dell’art. 12, l. 7 agosto 1990, n. 241, in forza di un procedimento soggetto al controllo dell’autorità competente (controllo esercitato ai sensi dell’art. 118, co. 2, l. 23 dicembre 2000, n. 388), non rilevando, al riguardo, che la loro struttura sia di derivazione contrattuale e la forma giuridica degli stessi privatistica.

                                        Commento
                                        La funzionalizzazione dell’attività dei fondi all’interesse generale
                                        I giudici, secondo un’interpretazione eminentemente finalistica delle norme applicabili al caso concreto, si premurano, anzitutto, di verificare “se”, “in quale misura” e “in forza di quali precetti” l’attività dei fondi sia funzionale alla soddisfazione di un interesse generale.
                                        Dalla suddetta analisi ne deriva che i fondi assolvono, in via diretta, alla cura di un preminente interesse generale – in specie, assicurare ai lavoratori più ampie garanzie occupazionali, garantendo loro occasioni di formazione e di elevazione professionale – in forza di molteplici prescrizioni legislative (vd., in particolare, il disposto di cui all’art. 118, co. 1, l. n. 388/2000), costituzionali (vd. il disposto di cui all’art. 35, co. 2), finanche concernenti i principi fondamentali di cui agli artt. 1, co. 1 e 4.
                                        In questo contesto, risultano ininfluenti le considerazioni sulla natura giuridica, privatistico-contrattuale, dei fondi, nonché della loro possibile inidoneità ad essere configurati quali organismi di diritto pubblico. Nel caso di specie, emerge, infatti, “un’ipotesi di delegazione di funzioni pubbliche nell’ambito delle politiche di sviluppo della formazione professionale continua, coerentemente con il principio di sussidiarietà orizzontale di cui all’art. 118, ultimo comma, Cost.”; funzioni che – come osserva l’appellante – “sono qualificabili come segmenti di politiche formative con le relative risorse finanziarie”.

                                        Solidarietà e sussidiarietà orizzontale a sostegno dell’interesse generale
                                        Pare, pertanto, possibile richiamare l’icastica immagine dell’architrave – tratteggiata in questa Rivista – simbolo dell’interesse generale, sorretta, da un lato, dalla solidarietà, dall’altro, dalla sussidiarietà.
                                        Nel caso di specie, la solidarietà viene perseguita principalmente attraverso quel meccanismo di redistribuzione delle risorse, volto, per l’appunto, a garantire occasioni di formazione e di elevazione professionale anche nelle aziende medio-piccole, nel rispetto, peraltro, di procedure selettive che tengano conto delle proposte avanzate nei piani formativi; la sussidiarietà orizzontale è, invece, più semplicemente, un principio applicabile ai fondi, in quanto, da un lato, legittima l’esistenza di organismi di natura associativa costituiti dalle “parti sociali”, dall’altro, ne agevola lo sviluppo in funzione del soddisfacimento di interessi generali.
                                        Per queste ragioni è possibile affermare che, nel caso in esame, l’iniziativa sussidiaria e la finalità solidaristico-redistributiva facente capo ai fondi concorrono alla realizzazione del pieno sviluppo della persona, con particolare riferimento alla sua posizione di lavoratore nella società.

                                        LEGGI ANCHE:
                                        Interesse generale, solidarietà, sussidiarietà;
                                        Corte Cost., 9 giugno 2015, n. 189;
                                        Sussidiarietà e interesse generale;

                                        Condividi la pagina