Grazie alla sussidiarietà orizzontale, una nuova collaborazione tra enti, cittadini e organizzazioni
Labsus approfondimenti

Bolzano: Fiopsd e Labsus per la sussidiarietà

Il 15 maggio una giornata di studio

Una giornata di studio sulla sussidiarietà è stata promossa dalla Fiopsd (Federazione italiana degli organismi per le persone senza dimora) e da Labsus per contribuire a creare quelle reti tra amministrazioni, cittadini e organizzazioni sociali che, alla luce dell’articolo 118 ultimo comma della Costituzione, possono oggi dare risposta efficace anche in tema di inclusione sociale.

L’appuntamento è stato giovedì 15 maggio a Bolzano, ed è durato dalle 9. alle 13., presso la Sala di rappresentanza del Comune in vicolo Gumer.

Grazie a questa iniziativa la Fiopsd ha voluto favorire la condivisione di obiettivi e prassi tra i diversi attori coinvolti nei servizi alla persona per rendere più efficaci i percorsi di inclusione e il perseguimento dell’interesse generale della comunità. La mattinata è servita a focalizzare le modalità d’azione che possono rendere effettivo e attuabile il principio di sussidiarietà orizzontale, favorendo il diffondersi di una nuova cultura della responsabilità dei cittadini.

Hanno partecipato:
Paolo Pezzana
, Presidente Fiopsd e responsabile politiche sociali della Caritas Italiana, con una relazione dal titolo “Intervento sociale e corresponsabilità fra amministrazione pubblica ed organizzazioni sociali per una risposta efficace all’emarginazione”;
Gregorio Arena, presidente di Labsus, che ha parlato di “Sussidiarietà e responsabilità per un nuovo rapporto fra cittadini ed amministrazioni”;
Rainald Tippow, responsabile dell’area “Diakonie” della Caritas Vienna “Il concetto della sussidiarietà alla luce della dottrina sociale della Chiesa nell’esperienza austriaca”;
Franco Dalla Mura, docente di diritto amministrativo nella all’università di Verona che è intervenuto su “Principio di sussidiarietà e concreti modelli di rapporto fra enti pubblici ed organizzazioni non profit nell’ordinamento comunitario e nella legislazione italiana”.



Lascia un commento