un momento di riflessione sembra quasi d ' obbligo quando si deve progettare una strategia per il futuro
Partecipazione

Il volontariato guarda al passato per immaginare il futuro

Un Convegno sulle esperienze di solidarietà di ieri per avviare dei laboratori di democrazia territoriale oggi

Il prossimo 29 giugno il Presidente di Labsus, Gregorio Arena, parteciperà ad un convegno sulla democrazia, beni comuni e terzo settore, intitolato "La memoria è un bene comune? Ed è utile oggi per progettare il nostro futuro? -Esperienze a confronto del terzo settore toscano per l'avvio dei laboratori di democrazia territoriali", che si svolgerà a Firenze.

Il fenomeno del volontariato si è confrontato e reinventato nel corso degli anni, inseguendo il frenetico evolversi dei tempi moderni. La flessibilità che caratterizza l’attività svolta dal terzo settore è probabilmente ciò che rende il volontariato cosìdinamico, attuale e sempre sensibile alle necessità della società , di cui si fa carico senza altro scopo che quello di anteporre l’interesse generale a quello particolare. A riprova di questa duttilità vi è la sempre maggiore attenzione rivolta dal mondo della solidarietà al dibattito sulla cura dei beni comuni, nell’ottica del principio di sussidiarietà orizzontale, di cui le organizzazioni di volontariato si sono sempre occupate ancor prima che tali concetti venissero formalizzati.

Dall’attività svolta quotidianamente fino ad arrivare al lavoro svolto in momenti di crisi (non da ultimo la rete di solidarietà creatasi per fronteggiare il terremoto in Emilia Romagna), le sfide affrontate dal terzo settore sono state molte, ed è per questo motivo che un momento di riflessione sembra quasi d’obbligo quando si deve progettare una strategia per il futuro. L’avvio dei laboratori di democrazia territoriali in Toscana costituisce la giusta occasione per fare un bilancio e mettere a confronto le varie esperienze di solidarietà che si sono succedute nel tempo e nello spazio.

Proprio sull’evoluzione del ruolo svolto dal terzo settore si concentrerà l’intervento del Presidente di Labsus, Gregorio Arena, intitolato “Dal Volontariato nel fango alla cura dei beni comuni, il lungo cammino della solidarietà in Italia”, contributo che vuole inserirsi nel dibattito affrontando la questione da una prospettiva nazionale.

In occasione del convegno verranno ripercorse le tappe fondamentali che il terzo settore toscano ha affrontato nel corso del tempo, a partire dall’esperienza di solidarietà svolta dagli “Gli Angeli del Fango” a seguito dell’alluvione di Firenze del 1966, di cui verrà trasmesso anche un breve filmato. Un percorso sulla memoria del volontariato che possa offrire ricchi spunti di riflessione per affrontare le sfide contemporanee, sempre più numerose.

L’evento, organizzato dall’Associazione nazionale pubbliche assistenze (Anpas Toscana)e dall’ Università del Terzo Settore (UniTS), in collaborazione con altre organizzazioni affini, prevede la partecipazione fra gli altri anche di: Fulvio Conti, docente dell’Università di Firenze, Luciano Franchi, portavoce del Forum del Terzo Settore della Toscana e vicepresidente della Conferenza Permanente delle Autonomie Sociali (Copas), Patrizio Petrucci, presidente di Centro Servizi Volontariato della Toscana (Cesvot), Gaia Peruzzi docente dell’Università “La Sapienza” di Roma, Luigi Bulleri Presidente UniTs, Eleonora Vanni, Presidente Copas, e Salvatore Allocca, assessore Assessore Welfare e politiche per la casa della Regione Toscana.

L’appuntamento è previsto per domani 29 giugno, a partire dalle ore 9.3, presso la Sala Convegni Anpas Toscana in Via Pio Fedi n °48, a Firenze.

Consulta il programma del Convegno.



ALLEGATI (1):

Lascia un commento