fbpx

" Bisogna riprendere in mano la vita sociale del proprio quartiere, questo è solo il primo passo "
Storie e notizie

Una biblioteca condominiale a Milano

Quando i libri diventano veicolo di coesione sociale

544023_127661810738411_107508253_nIl civico numero 12 di via Rembrandt è diventato la sede della prima biblioteca condominiale di Milano grazie all ' impegno del suo fondatore, il Signor Roberto Chiappello, ed alle numerose donazioni private. L ' obiettivo di quest ' iniziativa non è solo quello di offrire un servizio alla comunità , ma soprattutto quello di consolidare la rete di relazioni di quartiere.

Esperienze simili già  esistono in molte grandi città  estere, prima fra tutte New York dove, dopo la piscina condominiale, è proprio la biblioteca condominiale ad essere diventata il nuovo valore aggiunto di un’abitazione. Ma c’è una differenza tra queste biblioteche, create al fine di aumentare il valore economico degli immobili che le ospitano, e l’iniziativa milanese. Il signor Chiappello, parlando delle ragioni alla base della sua iniziativa, spiega infatti che ” Abbiamo cercato di abbattere le distanze tra gli inquilini del palazzo, di dialogare con i condòmini per verificare se anche da parte loro ci fosse la volontà  di creare finalmente un nostro spazio, adibito al dialogo e al confronto ” .

L’iniziativa

Appurata l’esistenza di una volontà  condivisa in tal senso, la nuova biblioteca condominiale è stata inaugurata il 12 febbraio scorso in una sala adiacente la portineria di questo palazzo di via Rembrand che, da solo, conta circa settanta inquilini. L’iniziativa, però, non rimane chiusa ai condomini, ma si apre al vicinato e cerca di coinvolgere il quartiere, perché, come afferma il suo fondatore, ” Bisogna riprendere in mano la vita sociale del proprio quartiere, questo è solo il primo passo ” . Proprio alla luce di questo obiettivo, una sezione della collezione è stata dedicata ai bambini, che vengono coinvolti anche attraverso l’organizzazione di proiezioni settimanali: queste occasioni diventano momenti concreti di aggregazione sia per i più piccoli che per i genitori. Inoltre, secondo il signor Chiappello, qualora la sua iniziativa dovesse essere riprodotta in altre zone della città , sarebbe interessante creare una rete di biblioteche condominiali, con prestiti interbibliotecari.

Il valore della condivisione

Ad oggi la biblioteca propone più di mille titoli, già  catalogati, ed altri mille in arrivo, provenienti da donazioni dei condomini, dal recupero del suo fondatore ma anche da molti donatori esterni, che si mettono in contatto con la biblioteca attraverso la sua pagina facebook. ” Accettiamo sempre libri in donazione – ha dichiarato il signor Chiappello – in fondo se un testo viene liberato anziché restare chiuso in una libreria, ha più probabilità  di essere letto ” . Il libro diventa quindi un veicolo di coesione sociale in un contesto urbano nel quale si rischia di perdere persino la percezione del valore delle relazioni: la biblioteca condominiale diventa quindi uno spazio neutro dove la condivisione trasforma i condomini ed i vicini in conoscenti ed amici.



Lascia un commento