La finalità dell ' incontro è quella di promuovere il dialogo e il confronto su esperienze di successo nella riqualificazione di complessi simili a quello di Sant ' Orsola
Notizie

Riqualificazione urbanistica partecipata: obiettivo Sant ‘ Orsola

Recupero di edifici storici e spazi urbani a Firenze

foto_santorsolaUna rete di associazioni e comitati cittadini fiorentini che da tempo sta lottando per stimolare il recupero del complesso di Sant'Orsola a Firenze, un bene pubblico inutilizzato da decenni, ha lanciato una call finalizzata a raccogliere idee e "buone pratiche" italiane e straniere per avviare un dibattito pubblico sulla riqualificazione. L'incontro si terrà sabato 19 ottobre 2013, a Firenze, presso l'Auditorium Sant'Apollonia, Via San Gallo, 25/a, dalle ore 16 alle 20.

Le associazioni promotrici della petizione popolare “per bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo” ( scaricabile da santorsolaproject.blogspot.it ), sottoscritta in appena 10 giorni da oltre 1.000 fiorentini di nascita o d’adozione, invitano urbanisti, esperti di recupero e riqualificazione urbanistica, investitori e operatori economici a presentare esperienze di “successo” e progetti di opere pubbliche da loro realizzati, studiati o finanziati, nel prossimo incontro che si terrà a Firenze sul tema “Riqualificazione urbanistica partecipata, recupero di edifici storici e spazi urbani complessi: Firenze, obiettivo Sant’Orsola”.

foto_santaorsola2L’obiettivo è apprendere a partire da esperienze di rigenerazione urbana realizzate in altri luoghi (imparare ascoltando / conoscere guardando).

La finalità dell’incontro è quella di promuovere il dialogo e il confronto su esperienze di successo nella riqualificazione di complessi simili a quello di Sant’Orsola, provando a individuare metodi, azioni, possibilità e orizzonti per il suo recupero, con l’obiettivo di far impegnare l’amministrazione comunale e provinciale alla costituzione di una “cabina di regia, obiettivo Sant’Orsola”, entro la fine del mandato amministrativo comunale, cioè maggio 2014.

In particolare, le associazioni si propongono di fare emergere idee e pratiche di successo per rafforzare la fiducia tra i soggetti interessati e per mostrare come la riqualificazione di un imponente complesso nel cuore di una città d’arte, quale è l’ex Convento di Sant’Orsola a Firenze – da più di trent’anni emblema del degrado di un quartiere patrimonio dell’UNESCO – possa rappresentare un’opportunità positiva per tutti, concreta e realizzabile.

L’appuntamento

L’evento sarà diviso in tre sessioni, ciascuna dedicata a soggetti diversi: progettisti, investitori e cittadini:

• “Riqualificare è possibile: i progetti degli altri, altri progetti”

I progettisti interessati a partecipare sono invitati a rispondere ad alcune domande chiave.

• “Finanziare la riqualificazione conviene: l’orgoglio e gli interessi dei finanziatori”

Gli investitori interessati a partecipare saranno chiamati a presentare uno o due progetti che li hanno resi orgogliosi della propria attività di finanziatori.

• “Dibattito aperto agli interventi dei cittadini”

Tutti i partecipanti saranno invitati a porre domande ai progettisti e investitori intervenuti e a sollevare questioni di loro interesse sul possibile futuro di Sant’Orsola.

Ad oggi hanno annunciato la propria adesione all’iniziativa i seguenti architetti ed esperti: Tatiana Campioni, Alberto Breschi, Mariella Zoppi, Camilla Perrone, Chiara Pignaris, Andrea Mannocci, Goffredo Serrini, Marco Massa, Francesco Alberti e lo storico dell’arte, Bruno Toscano. I risultati dell’incontro potranno essere sviluppati successivamente in un nuovo appuntamento collettivo tra dicembre 2013 e gennaio 2014.

Progettisti e investitori interessati a partecipare sono pregati di inviare: 1) un abstract di 150 parole sull’esperienza e sul progetto di riqualificazione che intendono presentare, 2) una brevissima scheda biografica, entro il 10 ottobre, al seguente indirizzo email: santorsolaproject@gmail.com

Per ulteriori informazioni e per gli accrediti stampa è possibile contattare: Marina Nappini (333 1082223).

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento