I soci, quasi tutti nativi del borgo nel quale si interviene, individuano i punti in cui agire e li segnalano; è poi la volta dei volontari che si attivano per intervenire dove necessario
Beni e attività culturali Storie e notizie Vivibilità urbana

I volontari di Casale Infinito tutelano i beni comuni molisani

A Casale di Duronia la cittadinanza si prende cura del proprio paese

Un ottimo esempio di recupero collettivo dei beni comuni del territorio, quello realizzato a Casale di Duronia, un comune molisano in provincia di Campobasso, dall'associazione culturale Casale Infinito. Un progetto che, visto nel suo insieme, ha come scopo quello di portare in salvo dal degrado e dalla trascuratezza gli spazi pubblici per renderli di nuovo utilizzabili dagli stessi loro fruitori, i residenti. Un ' ottima risposta quindi, quella dell ' intera comunità , che ha anche messo più volte a disposizione aree private per le attività associative, ma ancora più importante è il risultato che si sta ottenendo: le opere realizzate hanno infatti notevolmente migliorato l ' aspetto generale della borgata.

L’associazione Casale Infinito, il cui presidente è Pasquale Auciello, non ha scopi di lucro e persegue come fine la tutela e lo sviluppo del territorio e la promozione di iniziative socialmente utili, e opera grazie alla collaborazione e all’impegno dei cittadini stessi. I soci, quasi tutti nativi del borgo nel quale si interviene, individuano i punti in cui agire e li segnalano; è poi la volta dei cittadini che si attivano per intervenire dove necessario: riqualificazione di strutture degradate, come il vecchio lavatoio e l’antica fontana centrale e la costante e metodica manutenzione del verde urbano, compresi il rifacimento della staccionata e gli interventi sul centro bocciofilo (è possibile seguire tutte queste attività sul sito dell’associazione). Casale di Duronia conta in estate circa 150 residenti: “in un modo o nell’altro, tramite le famiglie, tutti i cittadini sono coinvolti nell’associazione”, dichiara Auciello, “e si sentono cosìdi contribuire a tenere alta la qualità di vita del territorio. Insomma, dopo aver tutti restaurato le loro case ora restaurano il territorio dove queste case insistono“.

Il legame con il territorio

Per realizzare i progetti, siano essi culturali o riqualificativi, i finanziamenti provengono esclusivamente dalle quote associative; in un’occasione il Comune di Duronia ha partecipato con un modesto finanziamento. Sebbene non sia invece stato realizzato il potenziale progetto che prevedeva la riqualificazione della piazza centrale del paese, l’analisi di quanto fin qui realizzato è tuttavia positiva, e ciò si deve all’attività volontaria dei cittadini, che permette di realizzare gli interventi di routine che impegnano mediamente duemila euro di spesa. L’associazione Casale Infinito, nell’ottica di una sana sussidiarietà , ha rapporti continui e diretti con l’amministrazione comunale, sia per obbligo istituzionale che per l’ottenimento di autorizzazioni ad intervenire sul territorio. A corollario delle attività descritte, l’associazione ha organizzato vari eventi culturali (mostre fotografiche ed iniziative sulla cultura contadina), corsi di fotografia, musica d’autore e la recente accoglienza al “Cammina Molise”, manifestazione naturalistica e socio-culturale di notevole rilevanza.

LEGGI ANCHE

A Casal di Principe (CE), parte la collaborazione per i beni comuni urbani
Presentato lo studio Istat sull’Italia del volontariato
La sussidiarietà nella provincia di Trento



Lascia un commento