Notizie Notizie

L’Associazione fondiaria di Caldirola contro l’abbandono delle aree rurali

Un esempio di gestione condivisa del territorio dal Piemonte

I proprietari terrieri uniti per opporsi al declino delle aree rurali dell'Appennino piemontese, promuovendo le proprie attività produttive e preservando le bellezze naturalistiche. àˆ questa l ' idea che sta alla base delle attività dell ' Associazione fondiaria di Caldirola.

Nota località sciistica dell’Appennino alessandrino, Caldirola, con i suoi 37 abitanti, è uno dei centri urbani più isolati della Val Curone. La finalità meramente turistica della zona non mette in discussione, tuttavia, il fenomeno dell’abbandono di Caldirola e di altre località rurali piemontesi. Assicurare la gestione delle risorse del territorio e la promozione delle principali attività economiche (agricoltura e, soprattutto, allevamento) mediante la costituzione di un’unica macro-azienda agricola non sembrava essere una soluzione responsabile. Nel 2012 Matteo Ornati, proprietario della Fattoria Aurora, ha proposto la via dell’associazione fondiaria come alternativa allo stato di declino delle zone montuose.

L’associazione fondiaria per creare sinergie

L’idea della creazione dell’associazione fondiaria ha, invece, messo d’accordo i proprietari dei territori abbandonati di Caldirola. La finalità principale è, infatti, quella di creare una sinergia lavorativa che, attraverso le attività produttive locali, riesca a coniugare la preservazione delle specificità ambientali del territorio, la promozione dei prodotti tipici e la creazione di capitale sociale. Questo crea grandi opportunità di sviluppo del potenziale economico dell’area interessata. Come si legge nello statuto dell’associazione, una gestione di tipo collettivo per l’ottimizzazione delle attività garantisce risultati altrimenti impensabili con il tradizionale metodo individualista di sfruttamento agricolo. L’associazione fondiaria di Caldirola è cosìriuscita a inserirsi con successo nel programma appennino dello Slow Food.

Contrastare l’abbandono con la cura e la preservazione

Allo sfruttamento intelligente delle proprietà si affiancano i lavori di cura e preservazione del territorio, comprendendo interventi di messa in sicurezza e pulizia di diverse aree.
Con la nascita di altre organizzazioni fondiarie in Piemonte si è assistito all’inserimento delle istituzioni comunali nei circuiti comunitari rurali. Si va cosìaffermando un modello che, contrastando l’abbandono delle zone più isolate, riesce a coinvolgere cittadini impegnati nel primo settore e comuni nella preservazione delle attività tipiche e dei paesaggi.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento