Esperti di processi partecipativi e cittadini discuteranno dei nuovi modelli di gestione condivisa degli spazi pubblici
Gli Appuntamenti

Labsus partecipa alla Biennale dello Spazio Pubblico

La città che vogliamo

Logo_biennaleIl 18 maggio il direttore di Labsus Christian Iaione parteciperà al seminario "La città che vogliamo. Spazio pubblico, inclusione sociale e diritti di cittadinanza" organizzato all'interno della Biennale dello Spazio Pubblico. Esperti di processi partecipativi e cittadini discuteranno dei nuovi modelli di gestione condivisa degli spazi pubblici; l'appuntamento è alla Facoltà di Architettura di Roma Tre (Largo Giovanni Battista Marzi, 10. Aula A4) dalle 9.00 alle 13.30.

Il workshop rappresenta un momento di confronto tra associazioni, gruppi informali di cittadini, progettisti ed esperti di processi partecipativi, per capire come, attraverso il coinvolgimento attivo degli abitanti, cittadini e amministratori possano promuovere, realizzare e gestire spazi pubblici più accoglienti e inclusivi.

Il prof. Iaione porterà nel dibattito le ricerche e le analisi del nostro Laboratorio sul tema dell’amministrazione condivisa, e soprattutto condividerà le riflessioni in merito alle sperimentazioni che Labsus sta portando avanti sul campo con l’obiettivo di realizzare insieme alle amministrazioni ed ai cittadini il primo manuale dell’amministrazione condivisa.

Risulta decisiva in questo senso la scelta di coinvolgere la comunità , nelle sue diverse articolazioni, all’interno della fase progettuale.

Favorire il protagonismo civico, creare occasioni di sviluppo del cosiddetto capitale sociale, realizzare una nuova forma di welfare basata sulla cittadinanza attiva e sul principio di sussidiarietà rappresentano infatti le nuove sfide delle amministrazioni pubbliche.

La call “La città che vogliamo” ha promosso la realizzazione di 27 iniziative e laboratori open air di coinvolgimento attivo degli abitanti organizzate con metodologie diverse (passeggiate partecipate, planning for real, performance inclusive, consultazioni con poster e mappe giganti, interviste e video racconti, trasformazioni in scala 1:1 dello spazio pubblico, ecc.) che hanno coinvolto categorie spesso non sono consultate nei processi d’ascolto istituzionali, quali donne, bambini, anziani, immigrati, homeless, portatori di disabilità fisiche o mentali.

Il seminario inizierà con una presentazione dei risultati dei lavori, cui seguirà un workshop a gruppi coordinato da facilitatori che coinvolgerà i partecipanti al fine di condividere strategie e criteri con cui cittadini e amministratori possono promuovere, realizzare e gestire spazi pubblici realmente inclusivi.

Le sintesi dei gruppi saranno confrontate in plenaria e commentate dai relatori invitati.

Relatori:

Chiara Buongiovanni, Redazione forumpa.it

Christian Iaione, direttore LABSUS

Giancarlo Paba, direttore Fondazione Michelucci

Donatella Venti, presidente Commissione Partecipazione INU

Presenta i risultati della call:

Chiara Pignaris, vicepresidente Commissione Partecipazione INU

Coordina i gruppi di lavoro:

Lucia Lancerin, referente BISP per il Viaggio nei comuni delle buone pratiche

Partecipano le associazioni:

Araba Fenice di Viareggio, La Sagrera es Mou di Barcellona, Seminatori di Urbanità di Milano, Les

Friches di Macerata, Efys di Cagliari, Progetto Habitat di Rovigo, Cooperativa l’Orsa Maggiore di

Napoli, ABCittà di Milano, Architettura fatta in casa di Roma, Genitori Scuola Di Donato-Esquilino

22, Comitato di Quartiere Tor Pignattara, Xscape di Bari, Comitato di quartiere Valchiglia di Torino,

Hinterland di Adelfia, Comitato genitori IC Via Cornelia e associazioni di Montespaccato (RM), Indizi

Terrestri di Napoli, La Città bambina di Firenze, Cooperativa Con un gioco e gruppo informale

cityMarkers di Roma, Cantieri Comuni di Roma, PRIMADI di Roma, Salviamo il paesaggio di Capena,

Giardino del Guasto di Bologna, Cooperativa Arvaia di Bologna, Città Fertile di Lecce, Due di quattro

di Napoli, TaMaLaCà di Sassari, Cooperativa La Speranza di Terni, VKE di Bolzano.



Lascia un commento