Importante giornata per la città  inclusiva nell'ambito della sicurezza urbana

La città  inclusiva crea le condizioni per una città  più sicura?

Molte volte si è dibattuto nel nostro paese sul rapporto tra la città  inclusiva e la città  sicura. Per alcuni le due città  non hanno alcun nesso (pensiero dominante soprattutto nel passato), per altri la città  inclusiva è la giusta via per arrivare ad una città  più sicura. Il ghettizzare, l’isolare in questo paese, come in altri contesti, ha creato gli estremismi politici e criminali: è un dato di fatto oramai oggettivo.
Per questo a Torino si riuniscono i maggiori esperti accademici in materia di città  inclusiva: la città  si-cura  è il titolo del meeting organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università  di Torino, dove si discute e si relaziona sul rapporto tra la città  inclusiva e la città  sicura. Venerdì6 maggio la data del meeting, presso la Sala Lauree rossa del Campus Luigi Einaudi.
in allegato la locandina del programma

Una giornata densa di tavoli, workshop e meeting, partendo dalla polisemia della sicurezza per arrivare al ruolo dell’architettura nell’ambito della città  sicura. Diversissimi dunque gli ambiti, nei quali si inserisce anche Labsus con la sua esperienza di città  inclusiva e veramente comunitaria creata dai Regolamenti per la gestione condivisa dei beni comuni urbani. Per questo nella sessione pomeridiana La città  bene comune tra inclusione, partecipazione e valorizzazione relazionerà  Gregorio Arena, presidente Labsus e Professore di Diritto Amministrativo presso l’Università  di Trento.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento