Notizie Notizie

La scuola: un “Campus” di Eco-progettazione urbana

Con il progetto Campus, gli studenti possono acquisire nuove competenze e sperimentarsi nell'ideazione di nuove aree aggregative all'interno della scuola

Il progetto Campus è un laboratorio di Ecologia Urbana che l'Associazione Jonathan, in partenariato con altre realtà territoriali, propone dal 2012 agli studenti delle scuole superiori. Campus, nato sulle impronte del progetto "Piazza Ragazzabile", vuole essere un laboratorio di cittadinanza attiva, che invita gli studenti a prendersi cura di spazi in cui vivono quotidianamente, attraverso la progettazione e la realizzazione di interventi di riqualificazione delle aree verdi della scuola.

In principio c’era “Piazza Ragazzabile“, il cantiere laboratorio di ecologia urbana dedicato agli adolescenti, per prendersi cura della propria città durante i mesi estivi. Le principali attività ? Scartavetrare, pulire, ridipingere e raccontare la propria esperienza. Passano gli anni, il progetto ha sempre più successo e sempre più iscrizioni.campus muralesFinché arriva la domanda: un’esperienza simile può esistere solo d’estate? La risposta sorge spontanea: durante l’anno i giovani vanno perlopiù a scuola, e tra studio e altri impegni extra scolastici la giornata è pressoché organizzata. A chiederselo è l’Associazione Jonathan, nata nel 1995 a Torino, nel quartiere Parella, e interessata da statuto a stili di vita sostenibili e alla tutela del patrimonio ambientale e dal 2012 sede di realizzazione del progetto “Piazza Ragazzabile” per la città di Torino, Circoscrizione 4.

Pensieri sparsi diventano “idea concreta”: dalla piazza alla scuola

Da una lettura degli istituti oggi, specie per gli indirizzi secondari di II grado, le scuole sono luoghi in cui un giovane di età compresa tra i 14 e i 19 anni trascorre gran parte del suo tempo, quotidianamente. Rendere lo spazio in cui si vivono le proprie giornate bello e accogliente richiama cosìun’esigenza non più rimandabile.
Era il 30 ottobre 2012: da quell’idea arriva l’intuizione di riunire un gruppo di giovani studenti e insegnanti che con il supporto di un’equipe di esperti tra animatori, architetti e agronomi per individuare delle aree all’interno della scuola che necessitino di un intervento, con l’obiettivo di migliorare l’ambiente che vivono e che li circonda. Con il messaggio implicito di rivendicare la bellezza dei propri spazi e dell’essere autori della propria comunità . E’ il progetto Campus.

Il progetto Campus

Il “progetto Campus” ha preso avvio con l’adesione del liceo scientifico Carlo Cattaneo di Torino, che si è mostrato da subito interessato all’iniziativa, acconsentendo dunque a diventare il primo banco di prova della sperimentazione.
Difficile riuscire a raccontare qui le ore passate prima in aula per la promozione e poi, al pomeriggio, in cantiere. L’atmosfera di cambiamento, il senso di soddisfazione nel lasciare un posto dato dagli adulti meglio di come lo si avesse trovato.

campus progettazione Sinteticamente, Campus è volto a:

  • favorire una cittadinanza attiva degli studenti attraverso la presa in carico di rapporti e del luogo in cui vivono diverse ore della giornata;
  • sviluppare le competenze nell’imparare facendo, si contraddistingue per la ” concretezza ” degli interventi, che permetteranno di ” riqualificare ” gli spazi esterni;
  • rendersi utili per e con gli altri: mentre ci si rende utile per gli altri (compagni, insegnanti, operatori, volontari, cittadini), nel contempo miglioreranno le relazioni;
  • sperimentare un’esperienza rivolta ai giovani, che possa divenire in futuro un modello per molte scuole secondarie di II grado del territorio metropolitano;
  • approfondire il tema dell’ecologia urbana (qualunque intervento che modifichi l’ambiente urbano in modo da rendere la città più vivibile e sostenibile) per realizzare una scuola a misura di chi vi opera (studenti, insegnanti, operatori, etc…).

Non è solo questione di pulizia quindi: gli interventi di ecologia urbana possono andare a migliorare, riqualificandolo, il modo in cui i cittadini vivono e utilizzano i luoghi abitati, questo sia dal punto di vista ambientale, sia dal punto di vista sociale. Germogli seminati in cittadini che imparano a prendersi cura e che cresceranno a contatto con i familiari, con gli amici, con gli insegnanti.
Da cinque anni all’Associazione Jonathan si è unito un ampio partenariato (Circoscrizione 4 di Torino, Cooperativa sociale San Donato e Associazione Solea): il progetto si riesce cosìa realizzare attraverso un’attenta fase di promozione per costituire un gruppo di studenti, insegnanti e operatori scolastici interessati agli ideali di Campus.
Oggi il Liceo Cattaneo gode di un orto, dei parcheggi, dell’area studio in giardino e di una zona relax, curati e presi in carico durante l’anno.
Negli ultimi anni con la ” succu ” (Succursale del Liceo Cattaneo), su richiesta dei docenti, il progetto Campus è stato integrato anche durante le ore scolastiche. Un’ora alla settimana è infatti dedicata ad attività di scambio, ragionamento e interventi negli spazi della scuola.

Nel mese di marzo, in occasione dell’iniziativa nazionale ” Nontiscordardime ” la scuola si mobilita con attività di pulizia, diserbo, arredamento di quegli spazi che ormai divengono familiari. Tutte le forme di collaborazione – promosse e portate avanti da volontari, docenti, studenti, amministrativi, operatori, genitori e amministratori – si concludono a giugno con un report finale e un momento conviviale: Festa!

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento