"Demolire la sopraelevata non è una priorità ci si potrebbero realizzare dei parchi e una grande pista ciclabile "
Notizie Notizie

Roma, agricoltura urbana in tangenziale

Una lingua verde come l'High Line di New York

In base ad un vecchio progetto finanziato da Roma Capitale, la tangenziale est di Roma dovrebbe essere abbattuta entro il 2016. Un recente progetto dell'architetto danese Nathalie Greon potrebbe far cambiare prospettiva. Con il progetto Agricoltura urbana in Tangenziale - Coltiviamo la città , l'architetto vorrebbe trasformare la tangenziale in una lingua verde che attraversa la città , piena di parchi, orti, piste ciclabili e stazioni di bike sharing.

Perchè demolire la tangenziale est di Roma, da batteria Nomentana alla Stazione Tiburtina, quando potrebbe essere trasformata in una striscia lunga 1700 metri piena di parchi, orti urbani, campi sportivi e addirittura un vigneto, un mercato rionale e un centro conferenze con copertura di fotovoltaico, pista ciclabile, stazioni di bike sharing ed affaccio sui binari? E’ questa l’idea visionaria dell’architetto canadese, Nathalie Grenon che vorrebbe trasformare la tangenziale in una lingua verde che si snoda nella città sul modello dell’ “High Line” di New York.

Il progetto

Il progetto denominato “Agricoltura urbana in Tangenziale – Coltiviamo la città ” già sostenuto da Campagna amica della Coldiretti, è stato accolto e approvato dalla Commissione Politiche Comunitarie di Roma Capitale presieduta da Mino Dinoi. Il precedente progetto prevedeva l’abbattimento del mostro di cemento entro il 2016 e al suo posto un parco con pista ciclabile e parcheggi per i residenti grazie allo stanziamento di 9 milioni di euro. La stessa cifra necessaria per realizzare il progetto di Greon.
I termini del progetto sono già stati definiti: 9 milioni di euro e poco meno di due anni per realizzarlo. Difficile trovare tali risorse nel bilancio comunale, quindi meglio guardare ai fondi europei come ha sottolineato lo stesso Dinoi, secondo cui sarà necessario collaborare con il ministero dello sviluppo economico ed altri attori istituzionali coinvolti nel progetto. Verranno aperti due tavoli di discussione distinti: il primo per il reperimento delle risorse, valutando a quale bandi europei sia possibile partecipare e se ci possa essere un aiuto concreto da parte della regione Lazio; l’altro per quanto riguarda l’aspetto politico-amministrativa riunendo insieme gli assessori per capire la fattibilità e l’impatto dell’impresa. Sarà un progetto pilota dato che l’architetto sogna di intervenire allo stesso modo in altri punti nevralgici della città per restituire alla capitale un nuovo rapporto con il territorio e stimolare le sinergie urbane.

LEGGI ANCHE:
La seconda ricostruzione dei beni comuni
A Milano cittadini attivi per il verde urbano
Orti in città : lezioni di giardinaggio a Rovigo
Roma sei mia: cittadini in campo per riqualificare la città
Approfondimento sull’agricoltura sociale a Roma (seconda parte)
Approfondimento sull’agricoltura sociale a Roma (prima parte)

 



Lascia un commento